Sport e salute Vademecum dello sportivo sano I pericoli del doping

By organic In Uncategorized On December 29, 2023

Sport e salute Vademecum dello sportivo sano I pericoli del doping

Gli steroidi anabolizzanti possono migliorare la tolleranza al glucosio e ridurre la necessità di insulina o di altri medicinali antidiabetici nei pazienti diabetici (vedere paragrafo 4.4). I pazienti con diabete mellito devono pertanto essere monitorati specialmente all’inizio o alla fine del trattamento e ad intervalli periodici durante il trattamento con Deca-Durabolin. • Condizioni di comorbidità – In pazienti con insufficienza/malattia cardiaca, renale o epatica pre-esistente il trattamento con steroidi anabolizzanti può causare complicazioni caratterizzate da edema con o senza insufficienza cardiaca congestizia. • ipercalcemia e/o condizioni che portano a ipercalcemia quali nefropatie, carcinoma prostatico, mammario, altri tumori e metastasi scheletriche (vedere paragrafo 4.3).

  • Nei giovani, gli steroidi possono interferire con la crescita e il comportamento e portare a uno sviluppo anomalo delle caratteristiche maschili.
  • Nella terapia sostitutiva del testosterone, il medico di solito somministra testosterone alla persona colpita sotto forma di gel, iniezioni o cerotti.
  • Alla sospensione dello steroide, la persona ha un sistema di produzione di testosterone “bloccato”.

L’uso continuo di finasteride per un massimo di sei mesi è necessario per ridurre un ingrossamento della prostata, ma gli effetti possono durare fino a dodici mesi dopo l’interruzione del farmaco. Entrambi i composti sono indicati anche nella calvizie maschile, nella crescita eccessiva dei capelli e nella terapia ormonale transgender. Gli effetti avversi comuni includono un aumento del rischio di cancro alla prostata di alto grado a causa dell’effetto di riduzione dell’antigene prostatico specifico (PSA), disturbi gastrointestinali, vertigini, mal di testa, ginecomastia e disfunzioni sessuali [111]. La finasteride è stata utilizzata anche dagli atleti per mascherare l’abuso di steroidi. Abiraterone ( 69 ,Figura 12) è un inibitore del CYP17 ed è particolarmente utile in alcuni tipi di cancro alla prostata, comprese le varianti resistenti alla castrazione e sensibili alla castrazione (mCRPC e mCSPC, rispettivamente).

Lipidi e alimentazione sportiva: quanti e quali grassi consumare

C’è stato anche un suggerimento che gli analoghi 19-nor di androstenediolo e androstenedione siano convertiti nel corpo in nandrolone, sebbene ci siano poche prove a sostegno di questa affermazione [ 97]. L’esposizione cronica ai profarmaci T può portare ai tipici effetti collaterali degli steroidi anabolizzanti, tra cui lo sviluppo di cancro alla prostata, ai testicoli o al pancreas, ginecomastia, mascolinizzazione, riduzione dell’HDL, disturbi cardiovascolari e aggressività [94 ] . I proormoni T sono nell’elenco delle sostanze controllate in molti paesi e la loro produzione, possesso e uso sono proibiti. Nel corso della sintesi degli analoghi T, sono stati ottenuti composti con il gruppo metilico rimosso dalla posizione C 19 e questi hanno mostrato notevoli attività progestiniche. Nandrolone (19-nortestosterone; 18 ,Figura 4) è disponibile come esteri decanoato e fenilpropionato, ma questi non sono attivi per via orale e devono essere somministrati tramite iniezione sottocutanea o intramuscolare.

  • L’intensità degli effetti collaterali dipende dal tipo di steroide utilizzato, dalla forma farmaceutica, dalla dose, dalla durata del trattamento e dall’età del soggetto.
  • Se il valore del testosterone totale in tutti i campioni di sangue esaminati è inferiore a determinati valori normali, è probabile che vi sia una carenza.
  • Questa evidenza suggerisce che i SARM potrebbero essere progettati per effetti specifici sulla libido femminile o sugli organi riproduttivi.
  • Moffat et al. ha eseguito una sottoanalisi dello studio longitudinale sull’invecchiamento di Baltimora che ha incluso 407 uomini senza demenza che sono stati seguiti per una media di 9,7 anni.

La rete, così come gli stratagemmi di chi vende sostanze dopanti proibite per legge, è in continua evoluzione e non è facile stare al suo passo. Il trattamento non altera la capacità di guidare veicoli o macchinari potenzialmente pericolosi. I pazienti in trattamento possono, pertanto, impegnarsi in tali attività, a meno che non ci siano indicazioni diverse da parte del medico. Dal punto di vista medicinale l’oxandrolone viene utilizzato per agevolare l’aumento del peso in situazioni di forte dimagrimento come quelle derivanti dall’essere stati sottoposti a un intervento chirurgico, da infezioni o da gravi traumi. L’obiettivo di questo studio è stato indagare la mortalità e la morbilità tra gli utenti di steroidi androgeni (AAS). Il colesterolo è un importante alcol steroideo (uno sterolo), essendo un comune componente delle membrane delle cellule animali.

Anabolizzanti steroidei: stima degli effetti collaterali

Come classe, gli steroidi anabolizzanti sono ritenuti essere probabilmente cancerogeni per l’uomo (IARC Group 2a). La biotrasformazione procede poi attraverso l’ossidazione enzimatica del gruppo 17-? -idrossi a 17-cheto; l’eliminazione dei 17-cheto-steroidi http://tommyemmanuel.com avviene infine per via urinaria. Il sovradosaggio cronico per incrementare le capacità atletiche porta gravi rischi alla salute di chi ne fa abuso. I pazienti devono essere informati sulla potenziale manifestazione di segni di virilizzazione.

  • Nessuno dei SARM è stato approvato per uso terapeutico in quanto sono ancora in fase di sviluppo dei test clinici.
  • Quando il trattamento si conclude, alcuni pazienti accusano crampi muscolari per un breve periodo.
  • Sarebbe allora più corretto parlare di steroidi anabolizzanti, che sono composti sintetici.
  • È bene, però, attenersi alle modalità e ai dosaggi suggeriti dai produttori, e ricorrere al proprio medico di fiducia qualora si sia affetti già da altre patologie.

Altri antiandrogeni agiscono inibendo gli enzimi responsabili della sintesi degli androgeni. Questi includono finasteride, dutasteride, epristeride e alfatradiolo,che bloccano l’attività della 5α-reduttasi e i cosiddetti inibitori del CYP17, ketoconazolo, abiraterone e seviteronel, che inibiscono la 17α-idrossilasi-17,20-liasi. Un altro gruppo di antiandrogeni, gli antigonadotropine, sopprime la produzione dell’ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH) e riduce la secrezione dell’ormone follicolo-stimolante (FSH) e dell’ormone luteinizzante (LH; inclusi leuprorelina, cetrorelix, vari progestinici ed estrogeni). I composti che stimolano la produzione di globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) aumentano i livelli di SHBG nel sangue e diminuiscono la disponibilità di androgeni come l’etinilestradiolo e il dietilstilbestrolo). Anticorticotropine bloccano la produzione di androgeni surrenali mediante l’inibizione dell’ormone adrenocorticotropo (ACTH) e vari glucocorticoidi.

Tale caratteristica è infatti la fonte dei principali effetti collaterali legati all’uso degli steroidi anabolizzanti. La scienza farmacologica applicata al settore degli steroidi anabolizzanti ha permesso di ottenere farmaci che, oltre ad essere prodotti a costi inferiori, esaltano le proprietà anaboliche degli ormoni naturali, limitando al tempo stesso gli effetti indesiderati. La TOS a base di testosterone consente di gestire i sintomi dovuti alla carenza di testosterone. Tuttavia, la somministrazione di questi farmaci dovrebbe avvenire solo a seguito di una diagnosi certa che prevede esami di laboratorio per vedere se i livelli di testosterone sono inferiori alla norma e una valutazione clinica dei sintomi. Infatti, le linee guida raccomandano di prescrivere la TOS solo agli uomini con diagnosi certa e sintomatologia manifesta.

Salute

Sintomi di astinenza potrebbero verificarsi in caso di interruzione improvvisa del trattamento. L’ambiente di maggior diffusione è quello atletico-sportivo, in senso lato, ma spesso questi prodotti poi diventano oggetto di abuso per scopi estranei all’agonismo atletico o di cui la prestazione atletica è solo una componente. L’alterazione dei livelli delle transaminasi è un segno di danno epatico di tipo colestatico, tuttavia un aumento di lieve entità può anche essere associato al danno muscolare causato dall’allenamento intenso. Questa ipotesi è suggerita anche dai livelli elevati di creatin-chinasi e dai normali livelli di fosfatasi alcalina e γ-glutamiltransferasi nella maggior parte dei soggetti esaminati.

I rischi sulla salute mentale

Non è richiesto il monitoraggio dell’assetto autoanticorpale, che peraltro è soggetto a modificazioni anche sostanziali nel corso degli anni (9). Il rientro nella norma sia delle transaminasi che delle IgG entro i primi 6 mesi di trattamento rappresenta l’obiettivo terapeutico ottimale, associato ad una prognosi eccellente, con ridotto rischio di progressione della malattia epatica (10). In molte occasionii capelli non sono l’unica cosa che un atleta può perdere a causa dell’uso di anabolizzanti , ma la sua carriera può essere seriamente danneggiata, per non essere sincero e prendere pratiche antisportive. Per essere un grande atleta non hai bisogno di anabolizzanti o altri farmaci, devi  solo lavorare molto e seguire una dieta sana. Molti studi determinano che la caduta dei capelli è dovuta alla genetica e alla presenza di androgeni, ma la realtà è che  coloro che usano frequentemente gli steroidi anabolizzanti hanno molte probabilità di perdere i capelli .

Servizio di personal training e compilazione programmi di allenamento personalizzati di preparazione atletica e fitness

Qui di seguito si illustra la terapia sostitutiva per ormoni sessuali maschili e femminili in soggetti colpiti da tumori dell’ipofisi. Se il paziente è stato sottoposto a terapia ormonale per oltre 6 mesi senza benefici clinici evidenti, la terapia deve essere interrotta. Attualmente studi clinici stanno valutando i benefici ed i rischi di terapie con ormoni della crescita nel lungo termine. La terapia sostitutiva dell’ormone della crescita non è appropriata per persone che hanno una forma attiva di cancro o soffrono di danni oculari a causa del diabete (retinopatia diabetica).

Leave a comment